Stefano Viola

Chitarra

Docente al Conservatorio "J. Tomadini" di Udine

Nato nel 1960 da genitori musicisti riceve i primi insegnamenti proprio dal padre che lo avvia allo studio della chitarra all'età di dodici anni dopo precedenti esperienze con la fisarmonica ed il pianoforte.

L'incontro con le sei corde è folgorante e porta, a soli diciotto anni, al diploma di Conservatorio con il massimo dei voti e la lode; studia per quattro anni a Milano con Ruggero Chiesa e partecipa come allievo effettivo ai corsi di alto perfezionamento tenuti da Oscar Ghiglia a Gargnano e all'Accademia Musicale Chigiana di Siena.

Ha svolto attività concertistica in Italia e all'estero come solista e in formazioni cameristiche risultando vincitore di prestigiosi concorsi nazionali e internazionali (Trieste, "Nicola Fago" di Taranto, "Fernando Sor" di Roma, "Città di Alessandria", "Mauro Giuliani" di Bari) nonché finalista al concorso internazionale "Andres Segovia" di Palma de Majorca.

Molto intensa e precoce anche l'attività didattica che lo porta ad insegnare nei conservatori statali di musica di Venezia, Trieste, Rovigo, Perugia, Modena, Bologna, Bari, Castelfranco Veneto (TV).

Dal 2006 è titolare della cattedra di chitarra al Conservatorio Statale di Musica "Jacopo Tomadini" di Udine e Direttore artistico del Centro chitarristico "El Maestro" di Treviso (www.elmaestro.it).

Sono oltre 200 i premi vinti da suoi allievi nei più importanti concorsi nazionali ed internazionali: tra questi figurano i "Primi Premi" ai Concorsi "Fernando Sor" di Roma, "Pittaluga" di Alessandria, "Julian Arcas" di Almeria (Spagna), "Francisco Tàrrega" di Benicasim (Spagna), "Castelnuovo-Tedesco" di Parma, "Benvenuto Terzi" di Bergamo, "Enrico Mercatali" di Gorizia, "Rospigliosi" di Lamporecchio, Sernancelhe (Portogallo), "Miguel Llobet" di Barcellona (Spagna), ecc.; questi risultati ne fanno uno degli insegnanti di Conservatorio più autorevoli delle ultime generazioni.

E' impegnato da vari anni in un approfondimento continuo di tutti gli aspetti tecnico-meccanici e posturali riguardanti il rapporto con lo strumento e in virtù di queste ricerche è invitato a tenere conferenze e Masterclass in vari Festival Chitarristici in Italia, Slovenja, Croazia, San Marino, Repubblica Ceca, Messico, Austria, Spagna, Polonia e Ucraina. Alcuni suoi scritti sull'argomento sono stati pubblicati dalla autorevole rivista "Il Fronimo" di Milano.

Ha elaborato e coordinato, con il sostegno economico della Regione Friuli Venezia Giulia, un importante progetto ricerca dal titolo "Analisi posturale biomeccanica-funzionale del musicista" che ha visto coinvolti il Conservatorio e l'Università di Udine (Facoltà di Scienze Motorie), progetto che si è concluso con la realizzazione di un DVD che, recentemente, si trova allegato ad un interessante volume sull'argomento dal titolo "Manuale per l'analisi metodologica nella didattica chitarristica di base e guida all'analisi posturale", pubblicato da "Guitart".

Ha pubblicato per le Edizioni Musicali Sinfonica due volumi di Tecnica chitarristica (Le Scale, Le Legature) e collaborato alla revisione di due raccolte di studi di Sor e Giuliani pubblicate dalla stessa casa editrice.

E' risultato vincitore nel 2007, 2009, 2010 e 2014 del "Premio Rospigliosi per la Didattica"